Logo Arretrati

L'organo della Béla Bartók National Concert Hall di Budapest (Ungheria)




 Palazzo del MuPa di Budapest Il Palazzo delle Arti (correntemente denominato MuPa) di Budapest è una costruzione recente, ultimata nel 2005, che sorge sulle rive del Danubio e che comprende diverse realtà artistiche, in prevalenza musicali, che comprendono bibioteche, associazioni culturali ed educative, sale da concerto, auditoriums, locali di svago e ricreazione, librerie e pubblici servizi. Tra queste istituzioni è di primaria importanza la Béla Bartók National Concert Hall, una delle sale da concerto più grandi del Mondo, realizzata secondo le più recenti ed avanzate teorie architettoniche e che è stata definita, per le sue spettacolari qualità acustiche, la migliore in Europa. Capace di accogliere 1699 persone a sedere, questa magnifica sala fruisce di tutte le più attuali tecnologie sia per ciò che riguarda la diffusione del suono (grazie a decine di pannelli fonoassorbenti pilotati da computers che possono cambiare posizione a seconda del tipo di musica che si esegue) che per le possibilità di incisioni discografiche e registrazioni video (grazie a diverse sale di regia appositamente dedicate).
All'interno di questa meraviglia, ovviamente, non poteva mancare un organo all'altezza di cotanta perfezione e, in effetti, l'organo che è stato realizzato in questa sala è veramente stupefacente sia per le sue capacità foniche che per le sue qualità timbriche. Ammirando questa meraviglia non abbiamo potuto fare altro che andare col pensiero alla vergogna del nostro "Parco della Musica" di Roma, che nelle sue tre meravigliose sale non possiede neppure uno straccio di organo e che, probabilmente, mai lo possiederà. Ma lasciamo da parte la tetragona ottusità ed ignoranza musicale italiana e dedichiamoci a questo strumento, che sinceramente riteniamo uno dei migliori realizzati in Europa per un auditorium.
 Bela Bartok Concert Hall Già al primo sguardo la sfolgorante montre di questo organo, che occupa tutta la parete di quinta del palco, ci fa pregustare meraviglie organistiche ed organarie e, in effetti, di meraviglia si tratta.
Cinque tastiere, novantadue registri nominali (133 reali), due consolles ed una disposizione fonica stupefacente fanno di questo organo una splendida "macchina da musica" che tutti gli organisti che si sono finora avvicendati alla sua consolle hanno considerato tra le migliori del Mondo.
Inaugurato il 22 Maggio 2006, questo organo è il frutto della collaborazione tra due prestigiose case organarie europee, la tedesca Orgelbau Mühleisen GmbH di Leonberg e la magiara Pécsi Orgonaépítö di Pécs, vincitrici di un concorso internazionale a cui hanno partecipato le più grandi e famose case organarie mondiali. La prima si è occupata della progettazione complessiva, ha realizzato le due consolles e tutte le parti meccaniche ed elettroniche nonchè una parte dei registri (tra cui quelli di facciata); la seconda ha realizzato le strutture portanti, i somieri, la manticeria, la rimanente parte dei registri (comprese tutte le canne in legno) e si è occupata dell'assemblaggio e dell'alimentazione elettrica. Il montaggio in loco, l'intonazione e l'accordatura (che hanno portato via dieci mesi di tempo) sono stati effettuati congiuntamente dai tecnici di entrambe le ditte.
 Facciata Organo MuPa Il risultato lo vedete nella foto accanto. Una montre davvero impressionante ed imponente, che non solo incute un reverenziale rispetto ma che testimonia come il lavoro di queste due ditte organarie sia stato proficuo e veramente importante.
Una delle caratteristiche più importanti di questo organo è la trasmissione mista. La consolle a finestra sul corpo d'organo è infatti a trasmissione totalmente meccanica (ad eccezione per i registri di 32 e 16 piedi in facciata, comprese le chamades, che sono azionati elettronicamente) mentre la seconda consolle, mobile sul palco, gode di una trasmissione totalmente computerizzata. Tutti i registri alle tastiere hanno la possibilità di essere suddivisi, tramite un apposito meccanismo sui somieri, in bassi e soprani; il Graduatore (di tipo walzer (a rullo) come negli organi germanici) ha la possibilità di essere preprogrammato in quattro modalità diverse; le combinazioni memorizzabili sono cinquemila. Ovviamente l'organo ha la possibilità di registrare tutte le performances mediante un'interfaccia MIDI collegata alle sale di regia.
Di seguito la composizione fonica:

Grand Orgue (I)

Montre 16
Principal 8
Flûte harmonique 8
Gamba 8
Bourdon 8
Praestant 4
Rohrflöte 4
Quinte 2-2/3
Superoctave 2
Cornet 2-5 rangs
Mixtur 5-7 rangs
Cimbel 4-5 rangs
Trompete 16
Trompete 8
Trompete 4
Positivo (II)

Quintatön 16
Principal 8
Cor de nuit 8
Flauta traversiera 8
Salicional 8
Unda maris 8
Praestant 4
Flûte conique 4
Quinte 2-2/3
Doublette 2
Tierce 1-3/5
Larigot 1-1/3
Piccolo 1
Septnon 1-1/7'+8/9
Mixtur 4-6 rangs
Basson 16
Dulzian 16
Trompette 8
Cromorne 8
Clarinette 8
Tremolo
Recitativo (III)

Violon 16
Gedeckt 16
Geigenprincipal 8
Flûte harmonique 8
Bourdon á cheminée 8
Gamba 8
Aeoline 8
Voix Celeste 8
Violine 4
Flûte octaviante 4
Nasard 2-2/3
Octavin 2
Tierce 1-3/5
Progressio 2-4 rangs
Cymbale 4 rangs
Bombarde 16
Trompette harmonique 8
Basson-Hautbois 8
Voix humaine 8
Clairon harmonique 4
Tremolo
Solo (IV)

Rohrbourdon 16
Principale 8
Konzertflöte 8
Voce Humana 8
Nasard 5-1/3
Octave 4
Tierce 3-1/5
Septieme 2-2/7
Sesquialtera
Flûte 2
Plein jen 3-5 rangs
Cor Anglais 8
Tuba Mirabilis 8

Chamades (V)

Chamade 16
Chamade 8
Chamade 4
 Consolle Organo MuPa
 Consolle Organo MuPa
Pedale

Majorbass 32
Soubasse 16
Principalbass 16
Contrebasse 16
Violon 16
Soubasse 16
Grossquinte 10-2/3
Octavbass 8
Gedackt 8
Cello 8
Octave 4
Tibia 4
Tercsept 6-2/5 + 4-4/7
Zinck 5 rangs
Compensum 7 rangs
Mixtur 4 rangs
Bombarde 32
Bombarde 16
Basson 16
Trompete 8
Clairon 4'






Torna all'Indice Strumenti
Torna all'Indice Categorie


Copyright "La Pagina dell'Organo" - 1996-2013